Categoria: Edizione 2018

Riccardo Ciancarelli

Si laurea in Storia del cinema alla Sapienza ed inizia subito a lavorare in programmazione per vari Festival come il Festival di Locarno, dal 2010 inizia lavorare in Bibi Film come delegato di produzione su vari film, tra i tanti ricordiamo "Buoni a nulla" di Gianni Di Gregorio e "Principe libero" di Luca Facchini.

Edoardo Scarantino

Laureato al Centro Sperimentale di cinematografia, nel 2009 produce il documentario “The One Man Beatles” (regia di Cosimo Messeri) che viene candidato ai David di Donatello come miglior documentario. Dal 2011 ad oggi lavora in Bibi film come responsabile postproduzione e nel 2018 produce il film “Metti una notte” (regia di Cosimo Messeri, con Cosimo Messeri, Amanda Lear e Cristina Capotondi) presentato al Festival internazionale del cinema di Roma nella sezione Alice nella città e in uscita nelle sale il 30 agosto.

Ariane Doehring

Ariane Doehring nata ad Amburgo classe 1991, ha studiato Filosofia e Psicologia sociale e vive fra Berlino, Vienna e Amsterdam. La regista ha co-fondato la società di produzione cinematografica DÉJÀVÜ e ha vinto, con il suo primo cortometraggio Deep City Session 2011, il premio "Best Student Film Award" alla School of Visual Arts di New York. Ha prodotto numerosi cortometraggi e video musicali per Pool, David August, Sonic Mobile, FIL BO, RIVA, Eveline e RAZZ.

Tre uomini e un cane (08’48”)

di Hayk Matevosyan - vincitore 6° edizione (2017) un racconto folle e coinvolgente; che racconta un’intera comunità attraverso il più originale degli sguardi, quello del cane.

La facile felicità (09’13”)

di Ludovico di Martino – vincitore premio del pubblico 5° edizione (Castellammare del Golfo) Un pasticcere sulla sessantina che vive nella tranquilla Castellammare del Golfo vorrebbe non invecchiare mai. La realtà che fa il suo corso intorno a lui non sembra, però, appoggiare questa filosofia di vita. Un giorno l'uomo ritrova uno strano libro di cucina e, sfogliandolo, s'imbatte nella ricetta della torta della giovinezza.

Troppo dentro il west (05’39”)

di Diana Pol-lajaima e Andrea Marchese - mensione speciale 3° edizione (2013). La follia che si avvicina alle condizioni dell’innocenza dell’infanzia.

Malatedda (06’32”)

di Diego Monfredini - vincitore 3° edizione (2013) In un bianco e nero denso di luci la follia emerge. una condizione in cui si integrano disagio e profondo vivere, La cura per tutte le cose è l'acqua salata: il sudore, le lacrime, o il mare. La follìa di Adele.

La casa dei trenta rumori (07’37”)

di Diego Monfredini - vincitore 1° edizione (2011). La casa dei trenta rumori è la culla di un moto perpetuo: l'attesa infinita di un ritorno che deve arrivare per forza dal mare. L'Eterno Ritorno.

Sophie Clavaizolle

Parigi classe 1993, art director e regista diplomata al corso di cinema e linguaggi audiovisivi presso l'Université Sorbonne Nouvelle. Dal 2014 ha all'attivo come regista ed assistente alla regia documentari, corti, adattamenti teatrali e per la TV francese.

Anna Balthasar

Anna Balthasar classe '91 nata a Coblenza in Germania. Attraverso gli studi al Bildenden Kunst und Philosophie im Master of Education acquisisce esperienze pratiche nel campo del cinema. I suoi studi l'hanno portata a trascorrere dei semestri tra l'Università La Sapienza di Roma e l'Università di Vienna. La giovane regista lavora in narrazione transmediale e nel 2016 ha ricevuto il premio Diffring per la scultura. Dal 2015 ha prodotto numerosi documentari e cortometraggi presentati in tutta Europa (altro…)